BLOG

 


Articoli personali e approfondimenti sul mondo dell'aviazione.

 

Personal articles and insights on the world of aviation.



Notizie, comunicati stampa da parte di costruttori, compagnie aeree, aeroporti o news in generale.

 

News, press releases by manufacturers, airlines, airports or news in general.



Reportage fotografici dagli Air show in giro per il mondo.

 

Photographic reports by Air shows around the world. 



Reportage dalle basi militari.

 

Reportage from military bases.



Musei aeronautici nel mondo.

 

Aviation museums in the world .



Ultimi post - Last post

Incidente in prossimità dell'aeroporto di Asiago (VI)

L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (ANSV) ha aperto una inchiesta di sicurezza a seguito dell’incidente occorso oggi, in prossimità dell’aeroporto di Asiago, al velivolo monomotore Cessna 152 marche di identificazione I-SANW. Danni estesi all’aeromobile, ferite le due persone a bordo. L’ANSV ha disposto l’invio di un proprio investigatore sul luogo dell’incidente per l’effettuazione del sopralluogo operativo.

 

Press release by  ANSV

leggi di più

DC-3 a Venezia

Non ci sono tante possibilità di vedere DC-3 in condizioni di volo in Italia, se escludiamo alcune realtà museali come Volandia, Vigna di Valle, il parco tematico di Rimini o l’esemplare di radio misure del 14° Stormo a Pratica di Mare, resta poco, anzi nulla.

L’occasione quindi di vederne ben quattro arrivare in volo sull’aeroporto Nicelli di Venezia è sicuramente ghiotta. 

leggi di più

Incidente in Liguria

L’ANSV ha aperto un’inchiesta di sicurezza sull’incidente occorso ieri, nel Comune di Bardineto (SV), all’aeromobile DA-20 marche I-GVBU, ritrovato, nella notte, in località molto impervia. Decedute le due persone a bordo. L’ANSV ha disposto l’invio di un investigatore sul luogo dell’incidente, per effettuare il sopralluogo operativo.

 

Press release by ANSV

leggi di più

Visita lampo sul Cavour. VFR Magazine 42

leggi di più

Nave Cavour, Operazione Mare Aperto 2018

leggi di più

50 anni di Apollo 11

E’ trascorso mezzo secolo da quel 20 luglio 1969, quando l’intera umanità assistette allo sbarco del primo uomo sulla Luna. Un avvenimento epico, così tanto rincorso quanto atteso: la supremazia spaziale statunitense ebbe la meglio sul rivale sovietico, ma il sorpasso a stelle e strisce ebbe risvolti più ampi. L’impronta lasciata sulla polvere lunare da Neil Armstrong fu il frutto del lavoro di migliaia di persone, di un programma ben collaudato grazie all’ingegno e alle spiccate doti industriali di vari comparti…un successo in tutti i sensi che riuscì a plasmare lo spirito pionieristico verso l’ignoto come una conquista di tutta l’umanità, in segno di pace e di speranza per le future generazioni.

Per giungere al primo passo di Neil sulla Luna gli Stati Uniti investirono oltre 20 milioni di Dollari, finanziando il programma Apollo per circa 10 anni. Un balzo tecnologico enorme per quell’epoca e per quella Nazione (enormemente al di à delle possibilità di qualsiasi altra), coadiuvato da grandi rischi e margini d’errore minimi; il tutto sotto gli occhi dei contribuenti grazie ai mass-media, che riuscirono a seguire e divulgare (anche in diretta) le imprese spaziali degli anni ’60.

E’ bene ricordare dunque gli albori e le tappe fondamentali che condizionarono l’esito positivo del programma Apollo.

A metà del secolo scorso la tensione politica fra Stati Uniti e Unione Sovietica era alle stelle; uno scontro d’intenti che durerà per oltre quarant’anni, delineando un nuovo tipo di conflitto: la Guerra Fredda. Un conflitto diverso da quelli tristemente noti alla storia, un continuo confronto di deterrenza armata che porterà alla nascita di nuove tecnologie belliche.

E’ proprio questo aspetto che introdusse lo spazio quale via alternativa e privilegiata per un “attacco” mirato al nemico. E nello spazio le due superpotenze ne intravidero una propaganda innovativa, atta a rafforzare il dominio totale della nazione. 

leggi di più

Aeronautica, difesa aerea: Intercettato un velivolo civile che aveva perso contatto radio

Un caccia F-2000 Eurofighter dell'Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, si è alzato rapidamente in volo questa mattina dalla base aerea di Istrana (TV), sede del 51° Stormo, per intercettare un velivolo civile Gulfstream IV decollato dall’Aeroporto Tel Aviv - Ben-Gurion (Israele) e diretto a Samedan (Svizzera), che durante il sorvolo dello spazio aereo nazionale aveva perso il contatto radio con gli operatori addetti al controllo del traffico aereo (ATC).

L'ordine di decollo immediato - in gergo tecnico "scramble" - è stato dato dal CAOC (Combined Air Operation Centre) di Torrejon in Spagna, ente NATO responsabile nell'area, in coordinamento con il Comando Operazioni Aeree (COA) di Poggio Renatico e gli enti della Forza Armata deputati alla sorveglianza dello spazio aereo nazionale e NATO. 

leggi di più

Non chiamatemi Messerschmitt

No, è vero, non sono un ME109, in molti mi confondono oppure mi chiamo l’Me109 spagnolo, ma in realtà sono un Hispano HA-1112-M1L “Buchon”. 

In tanti mi definiscono sgraziato e brutto, forse per colpa di quella protuberanza anteriore, che però è necessaria per alloggiare il Rolls Royce Merlin al posto del DB605 che equipaggia invece il mio “fratellastro” tedesco.

Sono nato a Tablada, Siviglia, nel 1954 prodotto appunto dalla Hispano e sono stato al servizio della forza aerea spagnola fino al 1965. 

leggi di più

Follow the Blog

Social Channel



Airplane Picture