L’aeronautica Militare testa per la prima volta il missile AARGM

Testato per la prima volta, durante un’esercitazione reale a China Lake in America, il missile AARGM (Advanced Anti Radiation Guided Missile)

Nella mattinata del 2 Aprile, un velivolo Tornado ECR con ai comandi un Test Aircrew del Reparto Autonomo di Volo di China Lake, ha testato con successo il primo missile AARGM (Advanced Anti Radiation Guided Missile) di dotazione italiana.

Il lancio, primo dei due previsti durante l’esercitazione Blazing Shield 2018, ha rappresentato uno degli eventi di maggior importanza all’interno della Campagna OT&E (Operational Testing & Evaluation) del binomio AARGM/Tornado ECR che si sta sviluppando presso i poligoni della Base Aerea americana.

Il team italiano ha gestito da terra tutte le fasi relative all’impiego del Missile dal Range Control Center (centro di controllo del poligono) di China Lake. 

Il missile AGM88E, quale frutto di un programma cooperativo tra l’AM e la US-Navy, costituisce la massima evoluzione dell’armamento anti-radar esistente ad oggi in ambito NATO. Sebbene sia di fabbricazione americana, alla produzione dello stesso hanno compartecipato industrie italiane. 

Blazing Shield 2018, oltre all’OT&E AARGM, si pone l’obiettivo di validare le procedure tattico-operative, in ambito autoprotezione, dei sistemi Eurofighter Typhoon e C27J Spartan. 

Ad oggi i velivoli del RAV hanno già effettuato più di 200 sortite, totalizzando oltre 600 ore di volo, a testimonianza di un costante sforzo quotidiano che vede impegnato tutto il personale italiano rischierato su China Lake.

 

Press release by Aeronautica Militare, Reparto Autonomo di Volo China Lake – America, T. Col. Nicola Minchini